TIMELINE: il sostegno del Parlamento all’Ucraina – compreso il libero movimento

Negli ultimi tre anni, il Parlamento Europeo ha sempre dimostrato solidarietà nei confronti dell’Ucraina sostenendo le varie richieste per modifiche ed intensificazione dei rapporti con l’Europa, condannando il coinvolgimento militare della Russia, l’annessione illegale della Crimea, promuovendone le riforme politiche ed economiche e sostenendo la creazione di un regime senza visti per i cittadini ucraini che viaggiano verso l’UE. Scopri di più nella nostra timeline.

 

Il 6 Aprile il Parlamento vota per concedere ai cittadini ucraini un regime senza visti:

 

  • I cittadini ucraini con passaporto biometrico potranno viaggiare verso l’UE senza visto – per soggiorni minimi di 90 giorni, con un massimo di 180 giorni.

 

  • Sarà valido solo per viaggi di lavoro, di famiglia o vacanze.

 

  • Non costituirà un permesso di lavoro nell’UE e non sarà valido in Irlanda e nel Regno Unito.

 

Dopo l’approvazione del Parlamento e successivamente del Consiglio, le nuove regole dovrebbero entrare in vigore entro questa estate.

 

Statistiche:

 

  • 13,9 milioni di visti per soggiorni brevi Schengen rilasciati nel 2016
  • I primi 3 paesi per richieste di visto: Russia (3,1 milioni), Cina (2,1 milioni), Ucraina (1,36 milioni)
  • Tasso di rifiuto del visto in Ucraina – 3,4% (nel mondo- 6,9%)
  • Primi 3 paesi emittenti del visto per gli ucraini: PL (560.000), HU (117.000), DE (99.000)

 

Fonte: www.europarl.europa.eu

30-03-2017