Il Presidente Antonio Tajani all’anniversario dell’Ue: “Dobbiamo essere fieri della nostra eredità”

Celebration of the ' 60 years of the Treaty of Rome ' in Campidoglio - Ceremony of the signature of the Rome declaration
Celebration of the ‘ 60 years of the Treaty of Rome ‘ in Campidoglio – Ceremony of the signature of the Rome declaration

“Il sogno di un’Europa unita rappresentava la via per lasciarsi per sempre alle spalle l’incubo della guerra”, ha detto Tajani a Roma dove ha partecipato alle celebrazioni per il 60 ° anniversario della creazione dell’Unione Europea. “Dobbiamo essere orgogliosi dell’eredità lasciata ai nostri figli: la libertà di viaggiare, studiare, lavorare, intraprendere, innovare”, ha sottolineato Tajani che ha firmato a nome del Parlamento Ue il testo della “Dichiarazione di Roma”. 

 

Il Presidente del Parlamento ha sottolineato l’importanza dei Trattati di Roma in questo momento storico. Si tratta dei testi che hanno gettato le fondamenta dell’Ue avviando il mercato comune.  “In questa sala, il 25 marzo del 1957, è cominciata la nostra grande avventura … Abbiamo bisogno di completare questa impresa enorme e sfruttare il potenziale che non è ancora stato utilizzato. E non dobbiamo mai dimenticare quale sarebbe il costo, non solo economico, senza l’Europa” ha ribadito Tajani.

 

Nel corso della sua visita a Roma Tajani ha incontrato il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, il Presidente del Senato Italiano Pietro Grasso e il Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini. Presente a Roma anche una folta delegazione in rappresentanza del Parlamento Ue, presenti i Vicepresidenti i questori e capi  dei gruppi politici. Gli eurodeputati hanno preso parte al dibattito sul futuro dell’Unione e partecipato alla Marcia per l’Europa di sabato 25 marzo che ha visto manfiestare migliaia di persone per le strade della capitale italiana nel nome del progetto europeo.

 

Il Presidente del Parlamento ha anche incontrato Papa Francesco in Vaticano insieme al Capo del Governo Italiano Paolo Gentiloni, al Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, al Presidente del Consiglio Donald Tusk e ai 27 capi di Stato e di governo Ue.

 

Prima delle celebrazioni a Roma Tajani ha anche guidato la delegazione parlamentare europea in visita a Norcia, località duramente colpita dal sisma del Centro Italia, esprimendo il sostegno del Parlamento negli sforzi di ricostruzione del comune umbro.

 

Fonte: europarl.europa.eu

27/03/2017

TIMELINE: il sostegno del Parlamento all’Ucraina – compreso il libero movimento

Negli ultimi tre anni, il Parlamento Europeo ha sempre dimostrato solidarietà nei confronti dell’Ucraina sostenendo le varie richieste per modifiche ed intensificazione dei rapporti con l’Europa, condannando il coinvolgimento militare della Russia, l’annessione illegale della Crimea, promuovendone le riforme politiche ed economiche e sostenendo la creazione di un regime senza visti per i cittadini ucraini che viaggiano verso l’UE. Scopri di più nella nostra timeline.

 

Il 6 Aprile il Parlamento vota per concedere ai cittadini ucraini un regime senza visti:

 

  • I cittadini ucraini con passaporto biometrico potranno viaggiare verso l’UE senza visto – per soggiorni minimi di 90 giorni, con un massimo di 180 giorni.

 

  • Sarà valido solo per viaggi di lavoro, di famiglia o vacanze.

 

  • Non costituirà un permesso di lavoro nell’UE e non sarà valido in Irlanda e nel Regno Unito.

 

Dopo l’approvazione del Parlamento e successivamente del Consiglio, le nuove regole dovrebbero entrare in vigore entro questa estate.

 

Statistiche:

 

  • 13,9 milioni di visti per soggiorni brevi Schengen rilasciati nel 2016
  • I primi 3 paesi per richieste di visto: Russia (3,1 milioni), Cina (2,1 milioni), Ucraina (1,36 milioni)
  • Tasso di rifiuto del visto in Ucraina – 3,4% (nel mondo- 6,9%)
  • Primi 3 paesi emittenti del visto per gli ucraini: PL (560.000), HU (117.000), DE (99.000)

 

Fonte: www.europarl.europa.eu

30-03-2017

Il sindaco di Londra: “Faremo ancora parte della famiglia europea”

“Pur lasciando l’Unione europea, non lasceremo l’Europa”, ha detto il sindaco di Londra Sadiq Khan in visita al Parlamento il 28 marzo. “Per quanto riguarda la sicurezza, la difesa, la finanza e la cultura, faremo ancora parte della famiglia europea”. Khan ha incontrato il Presidente del Parlamento Antonio Tajani per discutere di sicurezza e Brexit. “Non è nell’interesse di nessuno che Londra o il Regno Unito vengano puniti”, ha detto Khan.

 

L’incontro è stato seguito da una breve conferenza stampa. A nome del Parlamento Tajani ha espresso solidarietà per tutte le persone colpite dall’attacco terroristico a Londra il 22 Marzo: “L’attentato è un tragico promemoria per ricordarci che dobbiamo lavorare più da vicino per combattere il terrorismo e prevenire la radicalizzazione”.

 

A seguito dell’incontro con Khan, Tajani ha aggiunto:”Mentre celebravamo il 60 ° anniversario dei Trattati di Roma, migliaia di cittadini a Londra hanno manifestato sabato scorso il loro sostegno all’Unione Europea. Questo dimostra che Londra è una città davvero aperta e multiculturale, una vera città europea. E Questo ci riempie d’orgoglio.”

Fonte: www.europarl.europa.eu20170328pht68815_original

Anno nuovo, buoni propositi: fare del volontariato

 

Dal 1996 il servizio volontario europeo ha permesso a 100mila giovani europei di lavorare in progetti di volontariato in Europa e nel resto del mondo. Assistere i giovani appartenenti a realtà svantaggiate attraverso l’insegnamento di svariate professioni è uno dei punti cardine dello Sve. Guarda il video per saperne di più e, perché no, per avere uno spunto sul fioretto per l’anno nuovo…
Quasi un quarto degli europei ha partecipato a progetti di volontariato. La maggior parte sono stati coinvolti in programmi nelle comunità locali d’appartenza. Il 7 per cento è andato in un altro paese Ue e l’11 per cento in altre parti del mondo.
Per ampliare gli orizzonti di questo importante fenomeno sociale, l’Unione europea ha deciso di creare il servizio volontario europeo (SVE) per creare un ponte tra i volontari nel loro paese di residenza e le associazioni che necessitano giovani nei luoghi di destinazione.
I giovani di età compresa tra 17 e 30 anni possono partecipare a progetti in svariati ambiti: culturà, gioventù, bambini, patrimonio artistico, protezione degli animali e dell’ambiente, cooperazione allo sviluppo. La durata dei progetti è variabile – tra 2 settimane e 12 mesi – e al termine del progetto il volontario riceve il certificato “YouthPass” con indicazione dell’avvenuta partecipazione e relativa durata. Il Servizio volontario europeo eroga dei fondi per il viaggio del volontario e per l’alloggio, così come una piccola cifra mensile per le spese e l’assicurazione.
Per promuovere ulteriormente questo e altri programmi di volontariato – come la proposta della creazione di un “Corpo di solidarietà dell’Unione europea” – il Parlamento europeo ha chiesto in una risoluzione votata il 27 ottobre alla Commissione di consentire la partecipazione ai progetti di volontariato a persone di tutte le età e appartenenti anche a paesi terzi. Quest’ultimo punto è particolarmente importante per proteggere legalmente i volontari e garantire più finanziamenti nei paesi non-Ue.

RIF. : 20161207STO54926

Aggiornato il: (21-12-2016 – 15:21)

 

Candidature per il Consiglio Direttivo e per Assistenti di Presidenza

Si è appena concluso il termine per la presentazione delle candidature alla carica di Consigliere Direttivo per il biennio 2016-2018 e per Assistente di Presidenza per l’anno 2016-2017.

I manifesti dei candidati sono adesso a disposizione di tutti i soci per informarsi in vista dell’Assemblea ordinaria che si terrà a Pisa il giorno 8 ottobre.

Candidature Consiglio 2016

Candidature AdP 2016

VIDEO – I momenti più importanti del 2015

 

Il 2016 si avvicina ed è tempo di riassumere i momenti più significativi dello scorso anno: la crisi dei rifugiati e gli attacchi terroristici che l’Unione europea sta combattendo. Tra gli altri eventi, il PE ha discusso gli accordi fiscali, la situazione in Grecia e il TTIP tra l’UE e gli Stati Uniti.

 

È stato un anno molto impegnativo per l’Europa, segnato dalla crisi dei rifugiati. In seduta plenaria, il presidente francese François Hollande e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno discusso la questione con i deputati.

A seguito degli attacchi terroristici in Francia, la lotta contro il terrorismo è diventata la priorità del Parlamento europeo.

Sulla scia delle rivelazioni “Luxleaks”, la commissione speciale del Parlamento sugli accordi fiscali ha votato delle misure volte a migliorare la trasparenza sulla trasparenza fiscale.

Raif Badawi, un blogger dell’Arabia Saudita, sta scontando una pena di 10 anni in prigione accusato di “aver insultato l’Islam” sul suo sito web. Ha vinto il Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2015, mentre il Premio LUX è stato assegnato alla regista turco-francese Deniz Gamze Ergüven, per il suo film Mustang.

Il primo ministro greco Alexis Tsipras è venuto in Parlamento per discutere la difficile situazione in Grecia.

Guarda il video per seguire i momenti più importanti del 2015, tra cui la nuova normativa sul roaming e la direttiva sui sacchetti di plastica.

 

2 gennaio 2016

www.europarl.europa.eu

Pubblicate le Selezioni Nazionali 2016

Con la chiusura del bando di preselezione per la partecipazione a una delle Selezioni Nazionali dell’anno 2016, il Parlamento Europeo Giovani è orgoglioso di presentare i tre eventi portabandiera della nostra associazione, che si terranno nella primavera 2016.

 

Dato il grande successo dell’anno scorso, anche quest’anno il PEG ha scelto di organizzare ben 3 eventi di livello nazionale, per poter coinvolgere un numero sempre più grande di giovani studenti interessati a dibattere in lingua inglese su temi attuali di politica europea, sfruttando i punti di forza di ogni evento targato EYP: l’educazione non-formale come elemento cardine, la formazione di un team competente e affiatato e la proposta di idee originali per la soluzione di problemi reali.

 

Dal 3 all’8 marzo 2016, la 37° Selezione Nazionale del Parlamento Europeo Giovani si terrà a Orvieto (TR), città nel cuore d’Italia.

orvieto land

La 38° Selezione Nazionale avrà luogo a Lignano Sabbiadoro (UD) sulle rive del Mar Adriatico tra Venezia e Trieste, dal 31 marzo al 5 aprile 2016.

lignano land

Infine, la 39° Selezione Nazionale organizzata dal PEG si terrà a Volterra (PI), antico borgo medievale tra le colline toscane, nel periodo compreso tra il 5 e il 10 maggio 2016.

volterra land

 

Per poter seguire tutti gli sviluppi futuri ai tre eventi, si rimanda alle pagine facebook ufficiali delle 3 Selezioni Nazionali, e per tutti gli associati si ricorda che la call per gli officials è aperta fino al 10 gennaio (17 gennaio per i membri del media team).

 

Orvieto

Lignano Sabbiadoro

Volterra

 

Il Parlamento chiede che le armi UE non cadano nelle mani sbagliate

Con la votazione di giovedì, il PE ha chiesto agli Stati membri di applicare gli 8 criteri del Codice di condotta UE per le esportazioni di armi in modo più coerente e rigoroso, considerando il drastico cambiamento del contesto globale della sicurezza intorno all’UE. I deputati hanno sottolineato che tale commercio può non essere in linea con gli interessi di sicurezza dell’UE e che interessi politici o nazionali non devono prevalere sul processo decisionale per le licenze di l’esportazione.

 

“La sicurezza dei cittadini europei è più sotto minaccia ora rispetto agli anni scorsi, a causa dei conflitti in atto nel nostro vicinato e all’aumento del contrabbando e del traffico di armi nell’UE”, ha affermato la relatrice Bodil Valero (Verdi/ALE, SE).

 

“Gli Stati membri dell’UE che esportano armi devono tener presente che i Paesi ai quali hanno venduto armi in passato non sono più stabili e devono rafforzare l’attuale regime comunitario per l’esportazione di armi”, ha aggiunto. In conclusione, ha ricordato che “in qualità di maggiori esportatori mondiali di armi, devono avere una responsabilità particolare per assicurare che l’UE rimanga un sostenitore credibile dei diritti umani”.

 

Nella risoluzione approvata giovedì con 249 voti favorevoli, 164 contrari e 128 astensioni, i deputati rilevano che una diffusione incontrollata delle armi rappresenta un serio rischio per la pace e per la sicurezza, per i diritti umani e per lo sviluppo sostenibile. Rilevano, inoltre che, nonostante la situazione in Siria e in Iraq, le maggiori attività terroristiche e i conflitti nel Medio Oriente e in Nord Africa, non sia stato introdotto nessun cambiamento alle regole in vigore.

Nel 2013, gli Stati membri dell’UE hanno esportato verso Paesi terzi armi per un importo totale di 26 miliardi di euro.

 

Nuovo regime delle esportazioni: più coerente, con controlli e sanzioni

 

I deputati ritengono che la posizione comune del Consiglio, che precisa le regole sull’esportazione di armi, non sia stata applicata rigorosamente e sia stata interpretata incoerentemente ed evidenziano l’assenza di controlli indipendenti e sanzioni in caso di violazioni. Inoltre, gli Stati membri dovrebbero includere criteri nazionali più vincolanti.

 

Promuovere la trasparenza e il controllo pubblico

 

Per il Parlamento, la trasparenza e il controllo pubblico del quadro di controllo delle esportazioni devono essere potenziati. I deputati invitano gli Stati membri a fornire informazioni dettagliate, attraverso un reporting standardizzato, su ogni licenza rilasciata. Infine, la relazione annuale sulle esportazioni di armi da parte dell’UE, in futuro, dovrebbe in futuro essere rilanciata come una banca dati pubblica e interattiva.

 

18 Dicembre 2015

www.europarl.europa.eu

I delegati selezionati a rappresentare l’Italia alle prossime Sessioni Internazionali

EYP Italy è lieta di annunciare i nomi dei delegati che sono stati selezionati nelle tre Selezioni Nazionali (Riva del Garda, Torino e Volterra) per rappresentare la Repubblica Italiana alle due Sessioni Internazionali dello European Youth Parliament che si terranno rispettivamente a Leipzig dal 6 al 15 novembre 2015 e a Dublin/Belfast dal 4 al 13 marzo 2016!

I delegati che parteciperanno alla Sessione internazionale sono stati selezionati individualmente, e non per delegazione.

Per Leipzig sono stati selezionati:

Margherita Bozzoli – Liceo Scientifico Vallisneri , Lucca

Chiara Savarese – Liceo Scientifico Vallisneri, Lucca

Filippo Bertolini – Liceo Scientifico Maffei , Riva del Garda

Cosimo P. Simoncini – Liceo Scientifico Carducci , Volterra

Saverio Spinella – Liceo Classico Tacito , Terni

Manfredi Alberti – Liceo Classico Dante Alighieri, Roma

Katerina Mucci – Liceo Classico Dante Alighieri, Roma

 

Per Dublin/Belfast sono stati scelti:

Rachel Noach – Liceo Internazionale Europeo Spinelli, Torino

Francesca Lacava – Liceo Classico Leopardi-Majorana, Pordenone

Elena De Luca – Liceo Classico D’Oria, Genova

Aurora Dell’Agli – Liceo Classico D’Oria, Genova

Riccardo Ciani  – Liceo Scientifico Grigoletti, Pordenone

Francesco Carzaniga  – Liceo Classico S. Raffaele, Segrate

Eleonora Di Franco  – Liceo Classico S. Raffaele, Segrate

 

Congratulazioni a loro e a tutti i partecipanti delle tre Selezioni Nazionali del 2015, e in bocca al lupo per questi grandi eventi targati EYP International!